Home > Fantascienza > Arrival – Trama e Recensione

Arrival – Trama e Recensione

Arrival

Già uscito nei cinema statunitensi l’11 novembre 2016, Arrival, è arrivato nelle sale italiane il 19 gennaio 2017.

Il film è diretto da Denis Villeneuve e interpretato da Amy AdamsJeremy RennerForest Whitaker.

Arrival è uno dei nove film candidati all’oscar 2017 nella categoria Miglior Film.

Vedi qui tutti i film candidati all’oscar quest’anno.

Arrival – Trama

12 astronavi detti “gusci” giungono sulla terra sparpagliati ovunque sull’intero globo.

Anche se non sembrano ostili la paura fa sì di stare sempre in allerta mentre viene organizzato il da farsi.

Louise Banks (Amy Adams) è la linguista selezionata insieme al fisico teorico Ian Donnelly (Jeremy Renner) dal colonnello Weber (Forest Whitaker).

Loro dovranno cercare di comprendere la lingua degli eptapodi (gli alieni all’interno dei gusci) nell’astronave ferma nel Montana.

Arrival - Locandina
Uno dei gusci degli eptapodi.

Il loro obiettivo sarà quello di arrivare ad avere un vocabolario sufficiente per porrò la domanda “Qual’è il vostro scopo sulla terra“, e ricevere una risposta.

Nel frattempo però riceveranno risposte come “Offrire arma” che ricevono diverse interpretazioni nelle varie nazioni del pianeta creando panico.

Infatti stati come la Cina e la Russia sono pronti per affrontare gli eptapodi e i loro gusci con le armi.

Arrival – Recensione

Arrival non è il solito film di fantascienza, non si vedono spade laser o armi super tecnologiche. Se vogliamo non è proprio un film d’azione.

È un film su un possibile scenario futuro dove, non per forza, chi giunge sulla Terra debba per forza venire per conquistare.

Arrival - Amy Adams
Louise Banks (Amy Adams) in una scena del film.

C’è il confronto fra due razze sconosciute gli uni agli altri, dove bisogna creare prima una comunicazione.

Due forme di vita intelligenti mai viste prima che si insegnano le proprie forme di comunicazione come lo si farebbe ad un bambino.

Un’apprendimento difficoltoso che richiede tempo ma deve essere veloce.

Molto buona la direzione da parte di Denis Villeneuve che riesce a mantenere un ottimo livello di tensione per tutta la durata del film.

Davvero di grande livello e costante l’interpretazione di Amy Adams.

Assolutamente da vedere, non solo per gli amanti dei film di fantascienza.

Valutazione

Valutazione SunnyCinema

User Rating: Be the first one !

About Federico Verrengia

Federico Verrengia
Appassionato di cinema e videomaker. Lavoro attualmente come programmatore di computer e videomaker freelance. Canale YouTube sotto il nick di One Man che tratta video di viaggi.

Vedi anche

Ready player one - Wade Watts entra in OASIS

Ready Player One – Trama e Recensione

Ready Player One Dopo pochissimo tempo dall’uscita di The Post, il regista maestro, Steven Spielberg ritorna a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *