Home > Drammatico > Barriere (Fences) – Trama e Recensione

Barriere (Fences) – Trama e Recensione

Barriere (Fences)

Dietro la macchina da presa per Barriere, c’è la firma di Denzel Washington, regista per la terza volta, oltre ad essere il protagonista.

Il film è l’adattamento cinematografico dell’opera teatrale Fences del drammaturgo afroamericano August Wilson. L’opera del 1983 è stato vincitrice del premio Pulitzer per la drammaturgia.

Wilson è anche accreditato come sceneggiatore del film.

La pellicola Barriere esce nelle sale italiane il 23 febbraio 2017.

Barriere – Trama

Anni 50, Pittsburgh. Troy Maxson (Denzel Washington) lavora come netturbino combattendo ogni giorni con se stesso e con le ingiustizie sociali.

Tutta la settimana sta in attesa del venerdì, giorno di paga e riposo. È sposato con Rose Lee Maxson (Viola Davis) e hanno un figlio, Cory (Jovan Adepo), con cui è spesso in discussione.

Troy ha anche un altro figlio, Lyons (Russell Hornsby), avuto prima di conoscere Rose, di cui non accetta il suo stile di vita.

La sua vita scorre in monotonia andando a lavorare con sul amico inseparabile Bono (Stephen Henderson), e tirando avanti.

Oltre a tutto questo, lo circonda il senso di colpa per aver usato i soldi del fratello Gabriel (Mykelti Williamson) guadagnati per una ferita di guerra che gli ha causato dei danni celebrali.

Barriere (Fences) - Denzel Washington
Troy in una scena del film.

Barriere – Recensione

Questa è una pellicola di emancipazione sociale. È la comunità nera negli anni 50 che vale all’incirca quanto il lavoro che svolge Troy, lo spazzino. Il suo lavoro e la sua famiglia sono tutto quello che possiede.

Passa tutto il suo tempo a lavoro per poi tornare a casa a esibirsi come cantastorie nel cortile di casa.

Di fatto quel cortile è il vero protagonista del film Barriere. È il narratore della storia e la sua scenografia principale.

Quel piccolo giardinetto che Rose vuole racchiudere dentro a una staccionata. Metafora e unico filo conduttore del film.

Barriere fisiche e barriere psicologiche che porteranno il protagonista a provare ad evadere ma che riuscirà solo per poco in quell’intento.

Barriere - Rose interpretata da Viola Davis
Rose in una scena del film.

Ex promessa del baseball vorrebbe che i figli avessero di più rispetto alla sua triste e dura infanzia ma che non riesce allo stesso tempo ad accettare di vederli diversi da lui.

Un controsenso che si percepisce quando lui da tutto quello che possiede alla sua famiglia (il suo salario) ma più di quello non riesce a dare.

Lui ama il Blues e il figlio Lyons il Jazz, lui era un promettente giocatore di baseball e suo figlio sogna il football.

Ed infine la solitudine, in un cortile ormai recintato nello stesso momento in cui anch’egli è stato chiuso fuori da tutto il resto.

Barriere – Conclusioni

Due interpretazioni favolose da parte dei protagonisti Denzel WashingtonViola Davis. Quest’ultima è stata anche vincitrice del premio Oscar per la Miglior attrice non protagonista.

Purtroppo il film pecca a tratti di lentezza storica per il quale a momenti sembra non vada avanti.

Un po’ aiutato anche dal fatto che la location rimane sempre lo stesso e di rado cambi. Forse voluto anche dal regista creare un legame stretto tra lo spettatore e i protagonisti.

Nonostante questo rimane di sicuro un film assolutamente da vedere.

Il film ha ricevuto anche una candidatura al premio Oscar come Miglior Film.

Guarda qui gli altri film candidati agli Oscar 2017.

Valutazione

Valutazione SunnyCinema

User Rating: 2.7 ( 1 votes)

About Federico Verrengia

Federico Verrengia

Appassionato di cinema e videomaker. Lavoro attualmente come programmatore di computer e videomaker freelance. Canale YouTube sotto il nick di One Man che tratta video di viaggi.

Vedi anche

Tredici - Armadietto di Hannah Baker

Tredici | Stagione 1 – Episodio 13

Dopo aver parlato degli episodi 11 e 12 siamo arrivati all’ultimo, la l’episodio tredici. È qui …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *