Home > Film > Dunkirk – Trama e Recensione

Dunkirk – Trama e Recensione

Dunkirk

Dopo una lunga attesa durata quasi 3 anni, Christopher Nolan torna al cinema con Dunkirk.

L’ultimo film per il regista inglese era stato infatti il colossal Interstellar uscito nelle sale italiane il 6 novembre del 2014.

Ormai quando si parla di una nuova uscita diretta da Nolan è sempre una grande attesa, tra i vari titoli ricordiamo Memento, La trilogia di Batman, Inception il sopracitato Interstallar.

Dunkirk è uscito il 21 luglio 2017 nelle sale statunitensi e il 31 agosto 2017 in quelle italiane.

Il film è già acclamato da critica e pubblico ricevendo sull’aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes un eccellente 93% come percentuale di gradimento.

Dunkirk – Trama

Siamo nel 1940 a Dunkerque nella Francia invasa dalla Germania. Migliaia di soldati inglesi hanno l’ordine di ritirarsi sulla spiaggia ad attendere la loro evacuazione.

Dunkirk - Soldati inglesi sulla spiaggia
Soldati sulla spiaggia in attesa dell’evacuazione.

Oltre a questa trama principale il film si suddivide in 3 linee narrative dichiarate inizialmente allo spettatore. Il molo, il mare, il cielo.

Queste 3 linee si intrecciano tra loro nonostante il molo considera un arco temporale di 1 settimana, il mare di 1 giorno mentre il cielo di un’ora.

Dunkirk – Recensione

Come sempre accade nei film di Nolan, ci stupiamo sempre delle immagini che ci proietta.

Nonostante questo sia un suo brillante marchio di fabbrica, in Dunkirk, è ancora più accentuato.

Dunkirk - Tommy (Fionn Whitehead) in una scena del film.
Tommy (Fionn Whitehead) durante un bombardamento aereo.

Il film vede concedere molti spazi visivi a discapito dei dialoghi, il che, in un film di guerra, aiuta ancora di più ad entrarvi dentro.

Non parliamo di semplici immagini e sequenze, parliamo di immagini e inquadrature magiche che aiutate da un montaggio del suono a dir poco impeccabile, riescono a creare continui stati di tensione e suspense tra il pubblico.

A partire da scene aeree fino ad arrivare a riprendere un’enorme esercito di soldati lungo la spiaggia.

Sotto questo aspetto possiamo parlare assolutamente di un capolavoro con pochi (o forse senza) precedenti.

Per quanto riguarda la trama quelle che appare è solo un po’ di incertezza nel suo sviluppo.

Se abbiamo uno spettatore non consapevole della storia potrebbe trovarsi leggermente in difficoltà inizialmente a capire Dunkirk e la suddivisione in 3 linee narrative con arco temporale diverso non aiuta.

Ma anche se non aiuta inizialmente si rivelerà molto efficace e assolutamente insostituibile nella parte finale del film.

Bellissimi anche i toni grigi sempre presenti sopra la manica e che lasciano spazio solo sulla scena finale a un mood più caldo e speranzoso.

Dunkirk - aerei in volo.
Aerei in volo in una scena del film.

Dunkirk – Conclusioni

Forse il più atteso dell’anno e sicuramente rispettoso delle aspettative.

Uno di quei film che lasciano a bocca aperta per la qualità delle immagini, del suono, capace di tenerti in tensione quasi per la sua intera durata.

Sicuramente da non perdere e non solo per gli amanti del genere di Guerra.

Leggi anche l’articolo su La battaglia di Hacksaw Ridge.

Valutazione

Valutazione SunnyCinema

User Rating: Be the first one !

About Federico Verrengia

Federico Verrengia
Appassionato di cinema e videomaker. Lavoro attualmente come programmatore di computer e videomaker freelance. Canale YouTube sotto il nick di One Man che tratta video di viaggi.

Vedi anche

Fortunata - Jasmine Trinca e Stefano Accorsi

Fortunata – Trama e Recensione

Fortunata Sergio Castellitto alla regia e Margaret Mazzantini per la sceneggiatura lanciano nelle sale italiane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *