Home > Azione > Smetto quando voglio – Masterclass – Trama e Recensione

Smetto quando voglio – Masterclass – Trama e Recensione

Smetto quando voglio – Masterclass

Masterclass esce il 2 febbraio 2017 a distanza di 3 anni dal primo della trilogia, Smetto quando voglio.

Con questa trilogia, o perlomeno con i primi 2 capitoli, Sydney Sibilia sembra cominciare una piccola rivoluzione del cinema italiano.

Dal tono psichedelico e colori accesi infatti, è andato molto oltre ciò che ci si aspetta dal nostro cinema.

Seguendo le orme del primo, Masterclass, ha riscosso molti commenti positivi dal critica mantenendo un alto livello qualitativo.

Smetto quando voglio – Masterclass – Trama

La banda dei cervelloni è ormai sciolta e Pietro Zinni, (Edoardo Leo) addossatosi tutta la colpa per salvare gli altri, si trova in galera.

A colloquio con la compagna Giulia (Valeria Solarino), tiene il figlio in braccio spiegando che forse uscirà prima per buona condotta.

Con un salto temporale si torna indietro a qualche anno prima poco dopo la reclusione.

Smetto quando voglio - Masterclass - Trama. La banda
La banda si riunisce in una scena del film.

L’ispettrice Coletti (Greta Scarano) propone un affare a Pietro che gli permetterebbe di uscire di prigione.

Lui dovrebbe rimettere su la banda allo scopo di scovare tutti i nuovi creatori di Smart Drugs che sono venuti fuori.

Una volta illegalizzate 30 droghe, otterrebbe il rilascio immediato e tutta la banda avrebbe la fedina penale pulita.

Attraverso permessi di uscita illimitati, Pietro, rimette su la banda con qualche nuova aggiunta, e cominciare il loro lavoro.

Smetto quando voglio – Masterclass – Recensione

Una nuova commedia e un nuovo modello per il genere d’azione italiano.

Smetto quando voglio – Masterclass potrebbe segnare un punto iniziale per una nuova modalità di cinema italiano.

Il coraggio del regista Sydney Sibilia si è rivelato concreto ed è andato a buon fine.

Tanti personaggi e nessuno cade in banalità, e sopratutto un gruppo di attori coeso e armonioso che permettono un piacevole scorrimento della pellicola.

Smetto quando voglio - Masterclass - Recensione. Alberto e Pietro
Alberto (Stefano Fresi) e Pietro (Edoardo Leo) in una scena del film.

Infatti davvero bravi a partire da Edoardo Leo, Stefano Fresi, Valerio Aprea, Greta Scarano, Paolo Calabresi, Pietro Sermonti, Libero De Rienzo e tutto il resto cast.

Ottima l’entrata nel film di Luigi Lo Cascio nella sequenza di azione e adrenalina con il treno in corso che vediamo verso la fine del film.

Colori accesi e toni totalmente psichedelici rimanendo fedele al primo capitolo della trilogia.

L’ultimo capitolo che si intitolerà Smetto quando voglio – Ad Honorem è stato girato back to back insieme a Masterclass.

Sicuramente non è un film da perdere, divertimento e adrenalina a cui nel cinema italiano non siamo ancora abituati.

Valutazione

Valutazione SunnyCinema

User Rating: 3.5 ( 1 votes)

About Federico Verrengia

Federico Verrengia
Appassionato di cinema e programmatore di computer. In questo momento seguo un corso di recitazione cinematografica alla Scuola Cinema Immagina di Firenze.

Vedi anche

Tutto quello che vuoi - Giorgio e Alessandro

Tutto quello che vuoi – Trama e Recensione

Tutto quello che vuoi Dopo un’attesa di 3 anni dal suo ultimo film (Noi 4), Francesco Bruni, torna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *